Studio sull'acqua * Autunno 2003

Nell'autunno 2003 siamo stati contattati da un ricercatore svizzero che si occupa di acqua da diversi anni. Ha prelevato campioni d'acqua in Europa, Giappone, USA e altri paesi e li ha controllati per verificarne la qualità chimica ed energetica.

Stimolato dalla pubblicazione delle analisi sulla nostra homepage, era interessato ad utilizzare la nostra tecnologia per lo sviluppo dei suoi prodotti. Quando ci ha contattato, si è offerto di testare il potenziale del nostro acquivatore per poter presentare il suo metodo ad un pubblico più ampio. Ci ha gentilmente dato le immagini che ne sono scaturite per poterle usare liberamente.

Processo PEWA

Mentre la tecnica di Masaru Emoto consiste nell'osservare la formazione di cristalli piatti e bidimensionali durante il passaggio dallo stato liquido alla fase cristallina con un microscopio e fotografare le immagini dei cristalli in un breve lasso di tempo (da pochi secondi a pochi minuti), lo scienziato svizzero sta seguendo una strada opposta. Nell'approccio che sta perseguendo, l'acqua in una camera di diffusione viene osservata mentre passa dalla fase liquida a quella solida. In una fase di cristallizzazione che dura da una a tre ore, l'acqua forma un cristallo spaziale tridimensionale che può essere osservato ad occhio nudo e fotografato da tutti i lati con macchine fotografiche standard e quindi valutato con precisione.

La differenza principale del processo PEWA è che la crescita dei cristalli può essere tracciata su un periodo di tempo più lungo e quindi si possono ottenere ulteriori vantaggi in termini di analisi significative.

Con questo metodo si può anche stabilire chiaramente che l'acqua che è stata esposta all'inquinamento ambientale ha sicuramente proprietà di crescita diverse rispetto all'acqua naturale. L'acqua inquinata da informazioni inquinanti, sia che si tratti di inquinanti chimici che di influenze esterne come l'elettrosmog, tende ad avere una struttura molecolare disordinata: tale acqua inquinata non ha praticamente nessuna forza vitale.

Non sorprende quindi che l'acqua vitalizzata abbia caratteristiche di crescita diverse da quelle dell'acqua informata dagli inquinanti. Il metodo PEWA è quindi particolarmente adatto per l'osservazione delle forze vitali dei liquidi in rapido movimento.

Siamo abituati a confrontarci con le immagini bidimensionali negli studi scientifici. Nell'analisi dei cristalli, tuttavia, dovrebbe essere possibile osservare anche la struttura tridimensionale per ottenere informazioni più dettagliate sulla qualità dell'acqua. Di particolare interesse è il fatto che un cristallo cresce, in quali direzioni si ramifica e che tipo di ramificazioni si formano.

L'immagine a sinistra documenta la crescita cristallina della normale acqua del rubinetto, l'immagine a destra documenta la crescita cristallina dopo che l'acquivatore è stato attaccato al rubinetto e l'acqua del rubinetto è stata rivitalizzata.

Il capo dell'inchiesta ci ha fatto notare di essere estremamente sorpreso da questo risultato visibile. In questo caso, va sottolineato in modo particolare il fatto che i cristalli si formano anche sul bordo del vaso speciale dopo 90 minuti. Questa è la prova dell'elevato potere bioenergetico di quest'acqua, che altrimenti - se mai - si verifica solo in acqua di sorgente pura.

Il rinomato professore di chimica sudcoreano Dr. Mu Shik Jhon è convinto che l'acqua esagonale (acqua a grappolo) possa essere usata anche per curare le malattie immunitarie.

Grazie alla sua struttura, quest'acqua scorre facilmente attraverso i canali esagonali delle pareti cellulari, trasportando rapidamente i nutrienti nella cella e le sostanze inquinanti fuori dalla cella.

Secondo il Dr. Jhon, l'uso di acqua esagonale fornisce una maggiore idratazione, una disintossicazione più efficace, un assorbimento ottimizzato delle sostanze nutritive, una migliore efficienza del metabolismo, una maggiore comunicazione cellulare e il conseguente miglioramento della salute.

L'acqua è il mezzo in cui avvengono tutti i processi chimici e i cambiamenti nelle cellule. Ci sono due tipi d'acqua nel corpo umano: l'acqua esagonale in movimento e l'acqua immobile. L'"acqua esagonale mobile" ha sei molecole con un composto comune di idrogeno.

Ora è così che solo l'acqua mobile esagonale idrogena le celle. Solo l'acqua strutturata in questo modo è in grado di integrare le sostanze nutritive nelle cellule e di trasportare i prodotti di scarto fuori dalle cellule e dal corpo. Come già detto, i neonati sono costituiti quasi esclusivamente da acqua esagonale. Nel corso degli anni, tuttavia, la proporzione di acqua legata nel corpo aumenta e poi finalmente domina. Questo fa sì che i processi metabolici si svolgano più lentamente e rende anche più difficile la comunicazione tra le cellule. Le tossine non vengono rimosse a sufficienza, le persone si ammalano più facilmente e invecchiano più rapidamente. È quindi importante rifornire il corpo di acqua esagonale, anche per favorire il naturale processo di guarigione.

Poiché la normale acqua del rubinetto e l'acqua minerale commerciale raramente hanno una struttura esagonale, vengono escrete dal corpo senza svolgere la loro funzione effettiva; le cellule invecchiano e si ammalano. Secondo il premio Nobel Dr. Alexis Carrell, la cellula stessa è immortale! Solo il liquido in cui galleggia degenera: "Rinnovate questo liquido, date alla cellula le sostanze nutritive di cui ha bisogno".

>• torna alla categoria principale studi scientifici