Il fatto che il miele fosse già conosciuto come alimento nell'età della pietra è dimostrato dalle pitture rupestri di 9000 anni fa con raffigurazioni di "cacciatori di miele".

Si presume che il miele sia stato prelevato da colonie di api selvatiche per essere utilizzato come esca nella caccia all'orso. Molti petroglifi in Australia dimostrano che gli aborigeni raccolgono miele di cespuglio fin dalla preistoria. Intorno al 3000 a.C., nell'antico Egitto il miele era considerato il "cibo degli dei" e una fonte di immortalità: un vaso di miele valeva il prezzo di un asino. Anche gli antichi greci apprezzavano il miele, perché secondo la mitologia gli dei dovevano ad esso la loro immortalità. Lo stesso vale per il Padreterno Odino, che si dice abbia attinto la sua saggezza e la sua forza dal miele.

Ippocrate, probabilmente il più famoso medico dell'antichità, conosceva due delle caratteristiche probabilmente più importanti: eccellente per la guarigione delle ferite ed efficace per le infiammazioni e per la riduzione della febbre. L'acqua di miele veniva anche usata come "doping": Questa pozione ha migliorato le prestazioni degli atleti alle antiche Olimpiadi!

Ancora una volta brevemente alla memoria: le bevande che il miele contiene possono non essere calde, poiché il miele perde le sue caratteristiche curative già a partire da 40 gradi. Le organizzazioni di tutela dei consumatori e gli apicoltori raccomandano espressamente di non acquistare miele da supermercato a buon mercato, poiché dietro di esso purtroppo si nascondono per lo più merci d'importazione, che sono state fortemente riscaldate, per evitare la cristallizzazione dello zucchero.

Assassino di batteri

Il biochimico Prof. Dr. Peter Molan dell'Unità di ricerca sul miele dell'Università di Waikato in Nuova Zelanda, fondata nel 1995, ha svolto ricerche sulle sostanze curative. I risultati delle sue ricerche sono stati sorprendenti: il miele può sconfiggere circa 60 tipi di batteri, compresi quelli pericolosi come lo Staphylococcus aureus! Inoltre, i batteri resistenti agli antibiotici possono essere uccisi dalle medicazioni al miele; di conseguenza, molte cliniche in tutto il mondo usano ora le medicazioni al miele per trattare i pazienti che hanno le piaghe da decubito. Gli scienziati ritengono che l'effetto antimicrobico del miele sia dovuto ad alcuni enzimi.

È anche dovuto all'alto contenuto di zucchero nel miele, che priva i batteri di acqua vitale. Un altro ingrediente che aiuta i microrganismi indesiderati è il perossido di idrogeno, anch'esso prodotto da un enzima. Le oltre 60 pubblicazioni, che sono state pubblicate su riviste scientifiche dal Prof. Dr. Peter Molan, sono state ora raccolte in un articolo di recensione.

Ad esempio, gli stafilococchi resistenti alla meticillina, che sono un problema immenso in molte cliniche, vengono già uccisi ad una concentrazione di solo l'1% - 4% di miele! Anche gli enterococchi resistenti alla vancomicina (batteri sferici noti come batteri killer) e i temuti Pseudomonas aeruginosa multiresistenti hanno una pessima mano con il miele.

Le ferite cutanee infette cronicamente sono spesso prive di agenti patogeni dopo pochi giorni di trattamento al miele. Tuttavia, il miele non ha solo un effetto disinfettante, ma favorisce anche la decomposizione del tessuto morto spesso presente in una ferita, che a sua volta inibisce la guarigione della ferita.

Infine, il miele favorisce anche la crescita dei fibroblasti, le cellule che conferiscono al tessuto una struttura solida. Quando i fibroblasti sono attivati, la ferita si chiude non solo dal bordo ma anche dalla profondità. Questo effetto è particolarmente importante in caso di ustioni estese. Qui il miele batte persino una procedura medica standard: Rispetto alle ustioni fasciate con garze di sulfodiazina d'argento impregnate di solfodiazina, quelle con miele sono guarite più velocemente e le cicatrici sono state meno eccessive.

Il miele naturale ha un effetto antibatterico in tre modi:

1) ritira l'acqua che è vitale per gli agenti patogeni
2) con il suo basso valore di pH impedisce la riproduzione dei batteri
3) le sue cosiddette inibine hanno un ulteriore effetto germicida

Queste proprietà antibiotiche sono oggi scientificamente provate. Steso direttamente sulla ferita e ricoperto di garza, il miele viene ora utilizzato anche negli ospedali come agente di guarigione delle ferite.

Naturalmente, anche le piante visitate dalle api indaffarate contribuiscono in modo significativo a rendere il miele un potente agente curativo delle ferite. Il miele, che proviene dai fiori della famiglia delle piante di Leptospermum che si trovano in Australia e Nuova Zelanda, come l'albero del tè, sembra essere un killer di batteri particolarmente potente.

L'azienda australiana Medihoney ha riconosciuto questo fatto e ha recentemente iniziato a produrre un miele a base di piante di Leptospermum, che rilascia concentrazioni costanti di perossido di idrogeno e contiene sempre la stessa quantità di sostanze vegetali antimicrobiche attive.

PS: Non dimenticate che il miele ha queste proprietà positive solo se non è stato trattato termicamente!

Il nettare d'api contiene circa 180 sostanze di accompagnamento!

I più importanti sono le cosiddette inibine e gli inibitori come il flavonoide Pinocembrina, un antibiotico termostabile che inibisce le infiammazioni. Anche altri flavonoidi sono stati testati come agenti antitumorali.

Un altro ingrediente importante è l'acetilcolina (composto dell'azoto), che ha un effetto molto positivo sull'attività cardiaca riducendo la frequenza cardiaca, dilatando i vasi coronarici ristretti e avendo un effetto ipotensivo e cardio-protettivo.

Marathon

Lo sapevate che per 1000 grammi di miele le api percorrono una distanza equivalente a più volte la circonferenza della terra?

Ma anche dopo la "consegna" all'alveare, il nettare raccolto è ancora lontano dall'essere miele. Fino a quando l'oro liquido non è pronto per l'uso, passa ancora attraverso lo stomaco di molte api. L'ape raccoglitrice succhia il nettare dai fiori e lo divide nel suo stomaco di miele con enzimi endogeni in fruttosio e destrosio. Quando raggiunge l'alveare, soffoca il nettare e lo passa ad altre api. Altre api operaie succhiano più volte il succo dolce nello stomaco del miele, aggiungono un po' di saliva e lo strangolano di nuovo fino a quando il miele acerbo diventa più denso.

Infine, viene ulteriormente addensato nel favo mediante speciali tecniche di deumidificazione e ventilazione fino a raggiungere il giusto grado di maturazione con un contenuto d'acqua di circa il 20%.

Per produrre miele di bosco e di abete, le api "lattano" afidi. Si nutrono della linfa degli alberi ed espellono un liquido zuccherino: melata. Le api lo assorbono e lo trasformano in miele di abete. Ad essere sinceri: non mi sarebbe mai venuta questa idea ;-))

Inoltre, il miele contiene vari acidi, acetilcolina per la conduzione dello stimolo nel sistema nervoso, enzimi, proteine, amminoacidi liberi, acidi organici, oltre 300 sostanze aromatiche, coloranti, minerali e vitamine.

Il miele ha un effetto antiossidante che contrasta l'invecchiamento ed è considerato anche un "balsamo per i nervi". Gli antiossidanti di questo meraviglioso prodotto per api possono ridurre il rischio di malattie.


>• sezione successiva: Reazioni delle api all'elettrosmog

>• torna alla categoria principale Prodotti per la Madre Terra