Un bambino ricorda com'era prima di venire sulla terra in un nuovo corpo, come ha scelto i suoi genitori e come è finalmente nato qui. Non appena Flavio - all'età di 3-4 anni - riuscì a farsi capire, raccontò ai suoi genitori cose che facevano tremare la loro visione del mondo; disegnò, per esempio, la struttura dell'universo, l'albero della vita e molte altre cose stupefacenti. Nel suo modo infantile sembrava sapere di più sulla vita, su Dio e sul mondo di quanto ne sapessero loro.

I genitori di Flavio dall'Argentina hanno deciso di pubblicare tutto il materiale che avevano conservato in un libro, perché credono che ci siano più di questi "ambasciatori tra i mondi" tra i bambini di oggi e vogliono incoraggiare i loro genitori a condividerlo.

Quando avevo cinque anni, ho incontrato una signora brasiliana che voleva insegnare cose spirituali. Questo è stato un incontro importante per me, perché aveva la mia stessa missione. Mi ha raccontato della sua infanzia e di quanto fosse difficile per lei rimanere nel suo corpo e mi ha detto che dovevo scegliere. Mi spiegò che il mio corpo era lo strumento con cui potevo svolgere il mio compito sulla terra.

Dovrei imparare ad andare d'accordo con lui e ad alimentarlo con l'energia del piano fisico. Sapevo già tutto questo da me, ma mi ha fatto bene sentire lo stesso da lei. Più tardi ho incontrato altre persone che sono venute come me per fare un certo lavoro. La nostra missione è di portare un cambiamento. La terra ha cominciato ad essere meno fisica, è diventata più spirituale. Alcuni pensano che con l'aumentare dell'età anch'io sarò meno aperto allo spirituale, ma io non ci credo. So che non posso dimenticare nulla di ciò che è nel mio intimo.

Flavio, 9 anni


>• sezione successiva: Disintossicazione

>• torna alla categoria principale Cancro