Nell'estate del 1951, due persone assetate di conoscenza hanno intrapreso uno strano e audace tentativo - per l'epoca - di saperne di più.

Hanno ripreso il lavoro del medico californiano Dr. Albert Abrams, che ha insegnato patologia alla facoltà di medicina dell'Università di Stanford e ha sviluppato la famosa "Abrams Box".

Curtis P. Upton, che aveva studiato ingegneria a Princeton e il cui padre aveva lavorato con Thomas Alva Edison, e William J. Knuth, esperto di elettronica, non potevano sottrarsi all'idea dell'"oscilloclasto", come veniva chiamata anche la scatola Abrams. Questo dispositivo è stato in grado di guarire le molecole malate grazie a modelli d'onda regolabili!

Era un dispositivo che poteva contribuire molto al benessere dell'umanità. Il buon Abrams purtroppo morì nel 1924 e l'agitazione, alimentata dai suoi "colleghi" professionisti, continuò anche dopo la sua morte.

Upton e Knuth si sono chiesti se questo dispositivo potesse essere utilizzato anche per la disinfestazione dei campi. Così sono andati a studiare i campi di estirpazione degli alberi dei 12.000 ettari della zona di Cortaro-Marana vicino a Tucson, Arizona. Una volta lì, sono scesi dal loro veicolo con un misterioso dispositivo. Il dispositivo aveva le dimensioni di una radio portatile a transistor ed era dotato di una scala a quadrante e di un'antenna ad asta. La loro idea era di agire sul campo di cotone, ma non direttamente, ma per mezzo di fotografie!

Per fare questo, hanno messo una foto ad aria del campo di cotone sulla piastra di raccolta, che è stata attaccata al lato inferiore dell'apparecchio. Inoltre, hanno attaccato un principio attivo che distrugge i parassiti del cotone alla piastra di raccolta. Lo scopo di questo esperimento era quello di liberare l'intero campo dai parassiti senza dover utilizzare insetticidi chimici.

Il principio della teoria era che le componenti molecolari e atomiche della fotografia avrebbero vibrato alle stesse frequenze degli oggetti che rappresentavano nell'immagine. Trattando la fotografia con il principio attivo, Upton e Knuth credevano di poterla utilizzare per immunizzare completamente il campo di cotone. Si può supporre che all'epoca quasi nessuno scienziato fosse in grado di fare qualcosa con questa teoria.

L'autunno successivo, il Tucson Weekend Reporter è apparso con un reportage fotografico di due pagine con il seguente titolo: "La speculazione di milioni di dollari con il cotone paga!

Ha inoltre affermato che un dispositivo elettronico di controllo dei parassiti chiamato "Klein Moritz" ha permesso a Cortaro di portare un raccolto di cotone superiore del 25% rispetto alla media nazionale. Dopo le prove, il presidente della Cortaro Company, W.S. Nichols, ha anche rilasciato una dichiarazione scritta che il cotone trattato aveva anche circa il 20% in più di semi perché le api non erano affatto infastidite dai pesticidi chimici.

Sulla costa orientale degli Stati Uniti, Howard Armstrong, un collega di studio di Upton, ha deciso di testare questo metodo. Dopo aver scattato una fotografia aerea di un campo di mais già infestato da molti parassiti, tagliò un angolo di questa fotografia e mise il resto sulla piastra di raccolta del dispositivo radionico di Upton e aggiunse una piccola porzione di un insetticida naturale estratto dalla radice di una vite asiatica.

Dopo diversi trattamenti, da 5 a 10 minuti, è stato effettuato un attento conteggio dei parassiti: Ha dimostrato che l'80-90% dei coleotteri delle piante di mais della parte trattata della foto è morto o è scomparso. Le piante non trattate dell'angolo tagliato avevano un'infestazione al 100%!

>• torna alla categoria principale Tachioni